Luca De Marinis, il pizzaiolo napoletano morto in un incidente in California, aveva 37 anni, era campione del mondo

De Marinis stava lavorando negli Stati Uniti

Mercoledì 29 Maggio 2024
Luca De Marinis, morto in California il noto pizzaiolo napoletano: vittima a 37 anni di un incidente in moto

Luca De Marinis, noto pizzaiolo napoletano e vincitore di un'importante competizione internazionale nel 2019, ha tragicamente perso la vita in un incidente stradale in California. De Marinis, 37 anni, stava lavorando negli Stati Uniti quando è stato coinvolto in un fatale incidente a Temecula, una città situata tra Los Angeles e San Diego.

Il sinistro è avvenuto sulla Wolf Valley Road, dove un'auto proveniente dalla direzione opposta ha tagliato la strada alla moto di De Marinis mentre cercava di svoltare. L'Ufficio dello sceriffo della Contea di Riverside ha confermato che né l'alcol né le droghe hanno avuto un ruolo nell'incidente.

Luca De Marinis, chi era

Luca De Marinis, affettuosamente chiamato "Picchio" dai suoi amici e familiari, era una figura ben voluta e rispettata sia in Italia che all'estero. La sua passione per la pizza e il suo talento straordinario lo avevano reso un'icona nel mondo della gastronomia. La notizia della sua morte, avvenuta il 23 maggio, ha scosso profondamente la comunità che lo amava. Immediatamente dopo la tragica notizia, gli amici e i familiari di De Marinis si sono mobilitati per riportare il corpo del pizzaiolo a Napoli. Una raccolta fondi è stata lanciata e ha rapidamente ricevuto migliaia di euro in donazioni, che continuano a crescere di ora in ora.

La raccolta fondi

Sulla piattaforma utilizzata per la raccolta fondi hanno scritto: «La nostra raccolta fondi è organizzata con l'obiettivo di riportare Luca a Napoli, la sua casa. Le spese da affrontare sono numerose: dal trasporto dall’America in Italia, alle pratiche amministrative necessarie, fino all'organizzazione del funerale. A queste si aggiungono tutti i costi imprevisti che una famiglia deve affrontare in circostanze così tragiche e complesse».

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 09:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci