Ucraina, distrutta la portaerei missilistica russa Tsiklon. Kiev: «Era l'ultima che operava in Crimea»

A riferirlo è il portavoce della marina ucraina Dmytrij Pletenchuk

Mercoledì 22 Maggio 2024 di Valentina Errante
Ucraina, distrutta la portaerei missilistica russa Tsiklon: era l'ultima che operava in Crimea. L'annuncio di Kiev

La marina ucraina afferma di aver probabilmente distrutto l'ultima delle portaerei missilistiche russe che operavano in Crimea, nel Mar Nero.

a riportarlo il sito di informazione Usa “Business Insider”, che riferisce come in un discorso a Radio Free Europe, il portavoce della marina ucraina, Dmytrij Pletenchuk abbia detto che la Marina stia attualmente cercando di verificare se sabato ha distrutto o meno la piccola portaerei “Tsiklon”. Se confermato, significherebbe che non esiste più una portaerei missilistica russa con base fuori dalla penisola chiave, ha detto al quotidiano.

LA CRIMEA

La Russia ha occupato la Crimea nel 2014 ed è sede del quartier generale della flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli. Secondo KCHF.ru , un sito russo che segue da vicino le notizie sulla flotta del Mar Nero, lo “Tsiklon” è entrato in servizio solo a luglio. Il lanciatore della nave consente attacchi con missili da crociera contro obiettivi terrestri a una distanza massima di 1.500 miglia. Pletenchuk, nella sua intervista a Radio Free Europe, ha affermato che oltre al dragamine russo “Kovrovets” potrebbe essere stato colpito anche il Tsiklon. La marina ucraina aveva precedentemente affermato di aver distrutto il dragamine nell’attacco di sabato, definendolo «un’altra brutta giornata per la flotta russa del Mar Nero». L'Ucraina non ha fornito ulteriori dettagli sull'attacco, come il luogo in cui è avvenuto o quali armi siano state utilizzate. Tuttavia, rapporti successivi hanno rilevato che le navi avevano base a Sebastopoli.

Confini Russia Finlandia e Lituania, proposta modifica: cosa succede? L'attacco ibrido, l'annuncio di Mosca e il decreto cancellato

LA NOTIZIA

La Russia non ha comunicato alcun danno alle sue navi, affermando solo sabato di aver abbattuto nove missili ATACMS e un drone sulla Crimea. E la notizia diffusa da fonti ucraine non ha trovato conferme. Crimean Wind, un gruppo filo-ucraino che monitora le informazioni in Crimea, ha segnalato su Telegram che la notte del presunto attacco una nave di lunghezza simile alla Tsiklon è scomparsa dalle immagini satellitari a Sebastopoli.Anche il canale filo-russo Telegram Spy Dossier, citando le proprie fonti, ha affermato che lo Tsiklon è stato colpito. Analisi separate dei post sui social media open source di Radio Svoboda, pubblicate lunedì, hanno ipotizzato che sia stato colpito lo Tsiklon, e non il Kovrovets. La marina ucraina non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di “Business Insider”. Se lo Tsiklon venisse distrutto, sarebbe un duro colpo per la Russia, con il resto dei suoi vettori missilistici ora basati a Novorossiysk, ha detto Pletenchuk.

LA FLOTTA

L’anno scorso, la Russia ha trasferito gran parte della sua flotta del Mar Nero da Sebastopoli, il suo porto di origine, a Novorossiysk, a centinaia di miglia di distanza, sulla costa russa. La mossa è arrivata durante la campagna in corso dell’Ucraina contro i porti e le navi da guerra russe del Mar Nero, utilizzando missili da crociera e droni. Ad aprile, l’Ucraina ha affermato di aver distrutto o danneggiato un terzo della flotta russa.

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 10:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci