LA GIORNATA

Massiccio attacco russo a Kiev, anche due missili ipersonici Kinzhal. Biden: «Putin è un tiranno brutale». Mosca replica: «Inaccettabile»

E Stoltenberg accusa: "Pechino alimenta la guerra in Europa". Medvedev: se gli Usa colpiscono i russi, sarà una guerra mondiale

Domenica 26 Maggio 2024

La Russia ha rivendicato la conquista di un altro villaggio nell'Ucraina orientale

La Russia ha rivendicato la conquista di un altro villaggio nell'Ucraina orientale, continuando la sua lenta avanzata in questo settore del fronte dove si svolge la maggior parte dei combattimenti nonostante un'altra offensiva russa sia in corso nel nord-est. «Le unità del gruppo militare occidentale hanno liberato la città di Berestové in seguito al successo delle operazioni di combattimento», ha affermato il ministero della Difesa russo.

La località è al confine tra le regioni di Kharkiv e Lugansk. Ieri Mosca aveva rivendicato la cattura del villaggio di Arkhangelské, sempre a est.

Medvedev: se gli Usa colpiscono i russi, sarà una guerra mondiale

Se gli Stati Uniti dovessero attaccare obiettivi russi in Ucraina sarebbe «una guerra mondiale». Lo ha dichiarato su X il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev commentando le parole del ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski secondo cui gli americani dovrebbero colpire le forze russe in Ucraina nel caso in cui Mosca usasse armi nucleari. «In primo luogo, gli yankee non hanno ancora detto nulla del genere, perché sono più cauti dei polacchi. In secondo luogo, un attacco americano alle nostre posizioni significa l'inizio di una guerra mondiale e anche il ministro degli Esteri di un paese come la Polonia dovrebbe capirlo», ha scritto Medvedev.

Zelensky: la Russia sta preparando un'altra offensiva, ammassa le truppe

ll presidente ucraino Volodymyr Zelensky afferma che la Russia sta preparando un'altra offensiva, ammassando truppe a circa 90 chilometri a nord-ovest di Kharkiv. Lo ha affermato in un intervento rivolto ai leader mondiali in vista del vertice per la pace in Svizzera previsto per giugno, riferisce Ukrinform.

Massiccio attacco a Kiev, anche due missili ipersonici

Massiccio attacco russo sull'Ucraina la notte scorsa, con 14 missili - di cui due ipersonici Kinzhal - e 31 droni: lo ha reso noto su Telegram l'Aeronautica militare di Kiev, secondo cui le forze di difesa ucraine hanno abbattuto 12 missili da crociera X-101/X-555 e tutti i 31 droni kamikaze Shahed-131/136.

 

Allarme aereo in almeno 10 regione ucraine e Kiev

Un allarme aereo è stato dichiarato nella notte in almeno 10 regioni ucraine e la capitale Kiev a causa della minaccia di attacchi russi: lo riportano i media nazionali. Rbc-Ucraina riferisce che l'Aeronautica militare ha segnalato intorno alle 2:30 (l'1:30 in Italia) il possibile lancio di missili da parte di bombardieri russi Tu-22M3 decollati dall'aeroporto Olenya di Murmansk, nel nord-ovest della Russia.

Stoltenberg: "Pechino alimenta la guerra in Europa"

«La Cina afferma di voler mantenere buoni rapporti con l'Occidente. Allo stesso tempo, Pechino alimenta la guerra in Europa. Non si possono avere entrambe le cose»: lo ha detto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in un'intervista all'edizione domenicale del quotidiano tedesco Welt. «C'è un chiaro aumento delle vendite di parti di macchinari, microelettronica e altre tecnologie che Mosca utilizza per produrre missili, carri armati e aerei da utilizzare contro l'Ucraina», ha aggiunto Stoltenberg. In questo modo, la Cina sta mettendo a repentaglio la cooperazione con i Paesi occidentali, scrive il giornale.

 

Biden: Putin tiranno brutale. Mosca: è inaccettabile

Il presidente americano Joe Biden è tornato ieri a parlare senza mezzi termini del presidente russo Vladimir Putin, definendolo un «tiranno brutale», e attirandosi così le ire di Mosca: l'ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, considera questo comportamento «inaccettabile» per qualsiasi politico responsabile, e soprattutto per il leader degli Stati Uniti, riporta l'agenzia di stampa statale Ria Novosti. «È tempo che i circoli dirigenti locali accettino che continueremo a perseguire una politica indipendente e sovrana basata sugli interessi nazionali - ha affermato Antonov ai giornalisti -. Con le sue invettive contro Vladimir Putin, Joe Biden insulta l'intero popolo russo, che dimostra un'incrollabile unità attorno al leader del nostro Stato». «La maleducazione verbale e i tentativi di affermarsi a scapito dell'immagine del nostro presidente riflettono la rabbia di Washington dovuta al fatto che la Russia, nel gergo americano, sta sfidando l»ordine mondiale basato sulle regolè«, ha aggiunto l'Ambasciatore. Biden aveva parlato ieri in occasione della cerimonia delle lauree all'accademia militare di West Point, ribadendo inoltre che "non ci sono soldati americani in guerra e sono determinato a mantenere le cose così ma resteremo al fianco di Kiev".

La guerra in Ucraina, la diretta di oggi 26 maggio.

Kharkiv, raid sul megastore. Zelensky: «C’erano 200 persone». La Nato: ora le armi a Kiev

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 14:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci