Domande ATA 2024: al via oggi. Tutti i requisiti per i profili richiesti per lavorare nella scuola

Lunedì 27 Maggio 2024
Graduatorie ATA terza fascia 2024: oggi le domande. Tutti i requisiti per i profili richiesti: dall'assistente amministrativo al collaboratore scolastico

Concorso ATA: oggi i sindacati della scuola andranno al Ministero per la presentazione della piattaforma attraverso la quale si potranno inviare le domande di inserimento e aggiornamento delle graduatorie ATA di terza fascia. Le domande si potranno inoltrare da oggi martedì 28 maggio e fino al 28 giugno. Cos'è il personale ATA? È il personale amministrativo, tecnico e ausiliario degli istituti e scuole di istruzione primaria e secondaria, delle istituzioni educative e degli istituti e scuole speciali statali. Svolge funzioni amministrative, contabili, gestionali, strumentali, operative e di sorveglianza collegate all'attività delle istituzioni scolastiche.

Rappresenta, quindi, il primo passo per lavorare nelle scuole. Ecco perché oggi moltissime persone saranno davanti al pc per presentare domanda. 

Ricapitoliamo qui i requisiti per partecipare e i documenti da presentare per ciascun profilo.

Concorso ATA terza fascia, cos'è

Il concorso ATA terza fascia è una selezione pubblica per soli titoli (non sono previste prove d’esame), che permette di entrare nella graduatoria del personale ATA terza fascia per lavorare come supplenti. Il concorso ATA di terza fascia viene bandito ogni 3 anni per aggiornare le graduatorie. Chi non ha mai lavorato come ATA e non era inserito nella precedente graduatoria, deve presentare domanda per l'inserimento. Questo non vuol dire che chi era inserito nella precedente graduatoria, non debba comunque presentare domanda per confermare o aggiornare la propria posizione in graduatoria ATA III fascia. Perchè è importante? Perché rappresenta il primo passo per ottenere un impiego nelle scuole volgendo ruoli Ausiliari, Tecnici e Amministrativi (ATA) in quanto possono accedere anche persone che non hanno mai lavorato nella scuola. Viene bandito su tutto il territorio nazionale, ad eccezione delle province di Bolzano e Trento e della regione Valle D’Aosta. 

Chi può presentare domanda

Tutti coloro che sono in possesso dei requisiti stabiliti dalle norme generali del pubblico impiego e indicate nell’art. 3 del DM 89 del 21 maggio 2024 sono forniti del titolo di studio e di accesso per l’accesso ai profili richiesti. Si ricorda che il possesso della Certificazione Internazionale di Alfabetizzazione Digitale (CIAD) è requisito richiesto per tutti i profili escluso quello di Collaboratore Scolastico. La Certificazione CIAD, potrà essere presentata anche in un momento successivo rispetto a quello della presentazione della domanda e comunque entro il 30 aprile 2025, pena la decadenza dalla relativa graduatoria. Possono, inoltre, fare domanda di inserimento nelle graduatorie di Terza Fascia: coloro che erano già inseriti nella graduatoria di Terza Fascia per i quali restano validi i titoli di studio richiesti precedentemente; chi risulta inserito nelle graduatorie provinciali permanenti o negli elenchi provinciali a esaurimento o nelle graduatorie provinciali a esaurimento di collaboratore scolastico corrispondenti al profilo richiesto; chi abbia prestato, prima del 25 luglio 2008, almeno 30 giorni di servizio (anche non continuativi) in posti corrispondenti al profilo richiesto. Tutti i titoli, ad eccezione della CIAD, devono essere posseduti entro la data di scadenza del termine per la presentazione della domanda.

Titoli di accesso per Assistente Amministrativo e Assistente Tecnico


Per diventare assistente amministrativo occorre il diploma di scuola secondaria di secondo grado e certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale;

 
Per l'assistente tecnico serve il diploma di scuola secondaria di secondo grado corrispondente allo specifico settore professionale e certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale. Le specificità sono quelle definite, limitatamente ai diplomi di maturità, dalla tabella di corrispondenza titoli – laboratori vigente entro il termine di presentazione della domanda.

Gli altri profili: dal cuoco all'infermiere

Cuoco
• diploma di scuola secondaria di secondo grado con qualifica di tecnico dei servizi di ristorazione, settore cucina e certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.

Infermiere
• laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di infermiere e certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.

Guardarobiere
• diploma di qualifica professionale di operatore di moda o diploma di scuola secondaria di secondo grado “Sistema moda” e certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.

Operatore dei servizi agrari
• attestato di qualifica professionale di:
1. operatore agrituristico;
2. operatore agro industriale;
3. operatore agro ambientale;
4. operatore agro alimentare;

e certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.

Operatore scolastico


• attestato di qualifica professionale di operatore dei servizi sociali e certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale

in alternativa

• diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale o “Certificato di competenze” relativo al primo triennio del percorso di studi di cui al d.lgs. n. 61 del 2017 – con promozione alla classe IV – da cui emerga il raggiungimento delle abilità, conoscenze e competenze minime necessarie per il superamento del predetto periodo di istruzione unitamente a certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale e certificazione di competenze socio-assistenziali.

Collaboratore Scolastico

 diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale o certificato di competenze relativo al primo triennio del percorso di studi di cui al d.lgs. n. 61 del 2017 – con promozione alla classe IV – da cui emerga il raggiungimento delle abilità, conoscenze e competenze minime necessarie per il superamento del predetto periodo di istruzione. Diploma di maestro d’arte, diploma di scuola magistrale per l’infanzia, qualsiasi diploma di maturità, attestati e/ o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.

Ultimo aggiornamento: 28 Maggio, 11:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci