Michelle Causo uccisa a 17 anni a Roma, il killer «capace di intendere e volere»: ecco la perizia del Tribunale

L’imputato è accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione, occultamento e vilipendio di cadavere

Mercoledì 29 Maggio 2024
Michelle Causo uccisa a 17 anni a Roma, il killer «capace di intendere e volere»: ecco la perizia del Tribunale

Il processo a Roma: è capace di intendere e volere il giovane di origini cingalesi che il 28 giugno scorso ha ucciso Michelle Causo, la 17enne lasciata poi cadavere su un carrello della spesa a Roma, in zona Primavalle.

E’ questo, a quanto si apprende, quanto emerge dalla perizia psichiatrica disposta dal tribunale dei Minori di Roma che ha stabilito anche che l’imputato può sostenere il processo escludendo qualsiasi seminfermità.

Michelle Causo, il killer della 16enne chiede il rito abbreviato. La famiglia: «Non merita sconti di pena»

Femminicidi a Roma, vittime sempre più giovani: + 15% le richieste d’aiuto. «Ragazzi più aggressivi dopo il Covid»

Nell’udienza in programma questa mattina, a cui sono presenti il padre e la madre della vittima assistiti dall’avvocato Antonio Nebuloso e Claudia Di Brigida, è previsto l’esame in aula del giovane. L’imputato, che è reo confesso, è accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione, occultamento e vilipendio di cadavere.

Ultimo aggiornamento: 12:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci