All Eyes on Rafah: cosa significa l'appello globale per un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza

Tra le celebrità che hanno usato questo slogan c'è Marcus Thuram, attaccante dell'Inter

Martedì 28 Maggio 2024
All Eyes on Rafah: cosa significa l'appello globale per un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza

Negli ultimi mesi, uno slogan ha preso piede tra i manifestanti universitari e gli utenti dei social media che chiedono senza sosta un cessate il fuoco nella Striscia di Gaza. “All eyes on Rafah” è una frase semplice ma potente, difficile da fraintendere, che invita a mantenere alta l'attenzione sul dramma che si sta consumando a Rafah.

Recentemente, un raid israeliano ha causato almeno 45 vittime in un campo profughi della città, suscitando una vasta ondata di indignazione e richieste di giustizia.

Una chiamata all'azione anche da parte dei Vip

La frase "All eyes on Rafah" ha guadagnato crescente visibilità sui social network, sostenuta anche da numerose celebrità che hanno deciso di schierarsi apertamente sul conflitto in Medio Oriente. Tra queste, figure pubbliche di spicco e influencer che utilizzano la loro piattaforma per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'escalation di violenze e il massacro di civili a Rafah, ad esempio l'attaccante dell'Inter Marcus Thuram. Anche il direttore dell'Organizzazione Mondiale della Sanità nei territori palestinesi, Richard Peeperkorn, ha recentemente usato l'espressione per ricordare al mondo l'importanza di non distogliere lo sguardo dalla crisi umanitaria in corso.

La situazione a Rafah

Rafah, situata al confine tra la Striscia di Gaza e l'Egitto, è stata spesso teatro di intensi scontri e operazioni militari. La città ospita numerosi campi profughi e la sua popolazione civile è particolarmente vulnerabile agli attacchi. L'ultimo raid ha aggravato una situazione già critica, con infrastrutture distrutte e una crescente crisi umanitaria. La comunità internazionale, spinta dalle immagini strazianti e dalle testimonianze dirette, ha intensificato gli appelli per un intervento umanitario immediato e per la fine delle ostilità.

Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 22:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA