Guerra ucraina e Navalny, la reazione degli Stati Uniti: missili Atacms a lungo raggio a Kiev per colpire la Crimea e fermare Putin

Stati Uniti pronti ad approvare il pacchetto di aiuti per fornire una variante degli Atcm più potente

Martedì 20 Febbraio 2024 di Raffaella Troili
Guerra ucraina, la risposta degli Usa: missili Atacms a lungo raggio a Kiev per colpire la Crimea e fermare Putin

L'onda del caso Navalny smuove trattative che erano in stallo, soprattutto il nuovo pacchetto di aiuti che Kiev chiede da tempo agli Usa. Alla luce dell'avanzata russa a Zaporizhzhia, l'amministrazione Biden starebbe lavorando per fornire all'Ucraina nuovi potenti missili balistici a lungo raggio in grado di arrivare in Crimea e fermare Putin.

Lo riferiscono funzionari statunitensi alla Nbc a Monaco. Alla fine dell'anno scorso, gli Stati Uniti hanno iniziato a fornire alle forze ucraine sistemi Atacms a medio raggio. Ora sarebbero intenzionati ad inviare una versione di questi missili in grado di arrivare fino in Crimea. Ma tutto dipende dall'approvazione da parte del Congresso americano del disegno di legge che prevede 95 miliardi di aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan.

Navalny, la "gola profonda" del carcere IK-3 spaventa Mosca. E il Cremlino ora cerca un capro espiatorio: ecco i due sacrificabili

I missili Atacms

Funzionari della Difesa hanno riferito a Nbc News che gli Usa hanno una scorta limitata di Atacms e senza nuovi fondi non sono in grado di inviarne di nuovi. «Se i finanziamenti passassero gli Usa potrebbero inviare missili tattici a lungo raggio in Ucraina» scrive anche The Guardian, citando i due funzionari anonimi che su Nbc News hanno affermato che «l'amministrazione era disposta a inviare una variante dei missili - nota come Atacm (sistemi missilistici tattici dell'esercito) - se un nuovo pacchetto di aiuti da 60 miliardi di dollari fosse approvato dal Senato, ma per ora bloccato dal Congresso».

 

I ritardi negli aiuti

La notizia arriva proprio quando il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che la Russia stava sfruttando i ritardi negli aiuti all'Ucraina. «Ha parlato lunedì dopo aver visitato la linea del fronte a Kupiansk, secondo Reuters, un’area riconquistata dall’Ucraina nel 2022, ma dove le forze russe sono state attive negli ultimi mesi». Ha detto il presidente ucraini che «ora c’è una situazione estremamente difficile in diverse parti della linea del fronte, proprio dove le truppe russe hanno concentrato le massime riserve. Stanno approfittando dei ritardi negli aiuti all’Ucraina e questa è una questione molto delicata. Carenza di artiglieria, necessità di difesa aerea in prima linea e di armi a lungo raggio». Gli Stati Uniti hanno approvato il trasferimento di una variante a corto raggio dei missili in ottobre, dopo che Kiev aveva assicurato che non sarebbero stati utilizzati per colpire la stessa Russia. Zelensky, ha poi affermato che le armi si erano «dimostrate efficaci».

@ilmessaggero.it La morte di Alexei Navalny è avvolta da un alone di mistero. Cosa è successo all'interno della colonia penale IK-3 nell'Artico russo nei giorni e nelle ore precedenti la notizia del decesso? Il primo oppositore russo di Putin è stato dichiato morto venerdì alle 16 italiane. L'ultima apparizione video risale al giorno precedente e dalle immagini si mostrava in buona salute. Ricostruiamo le ultime ore e l’odissea per la restituzione del corpo. . . . [#ilmessaggero] #navalny #putin #russia #giallo ♬ Dramatic Hollywood-style action Music(963760) - Studio Crossbred

Yulia Navalnaya, chi è la moglie di Navalny. I figli, il padre scienziato, la lettera a Putin, l'esilio e il discorso contro lo zar

La gittata

Le varianti più recenti degli Atacm che l’amministrazione Biden vuole inviare in Ucraina riferisce the Guardian hanno una portata massima di quasi 200 miglia (300 km), in genere trasportano bombe a grappolo, consentendo alle forze ucraine di colpire la penisola di Crimea. Secondo i funzionari che hanno parlato in forma anonima con la Nbc, era possibile che gli Stati Uniti avrebbero chiesto agli alleati della Nato di fornire i missili all’Ucraina nell'attesa che il governo americano avesse ripristinato le scorte esaurite. Il ministro della Difesa ucraino, Rustem Umerov, ha dichiarato nei giorni scorsi che la caduta di Avdiivka nelle mani delle forze russe ha dimostrato che le forniture di «armi a lungo raggio sono necessarie per distruggere le formazioni nemiche». Un rapporto del Dipartimento di Stato americano prima di un incontro tra il segretario di Stato americano, Antony Blinken, e il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, a Monaco, affermava che si prevedeva che i diplomatici avrebbero discusso questioni “urgenti” relative a «munizioni, difesa aerea, capacità a lungo raggio».

La strategia

Kuleba ha sucessivamente affermato di aver discusso della fornitura di Atacm a lungo raggio con la sua controparte statunitense in un incontro di sabato, definendo il sistema «un simbolo importante» per gli ucraini che si erano difesi dall’invasione lanciata dalla Russia nel febbraio 2022. «C’è solo un modo per distruggere le capacità russe in Ucraina. Si tratta di colpire in profondità i territori occupati, aggirando la guerra radioelettronica e gli intercettori russi», ha detto. «Se vuoi colpire dietro le linee, interrompere la loro logistica e i loro rifornimenti, distruggere i loro depositi di munizioni, puoi farlo solo con missili a lungo raggio».

Ultimo aggiornamento: 13:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA