MEDIO ORIENTE

Israele acquisterà 40mila tende «per evacuare di Rafah». Iran: «Usa responsabili dell'attentato a Damasco»

Le ultime notizie in diretta sul conflitto in Medio Oriente

Martedì 9 Aprile 2024

Iran: Usa responsabili dell'attentato di Damasco

«Abbiamo inviato un messaggio agli Stati Uniti, dopo il recente attacco israeliano all'annesso consolare iraniano a Damasco, e abbiamo sottolineato che, in quanto sostenitore totale del regime sionista, Washington ha la responsabilità diretta per i crimini e le azioni folli di Israele»: lo ha detto il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amirabdollahian, in un incontro con il presidente siriano Bashar Assad a Damasco ieri.

Lo riporta l'agenzia di stampa l'Irna.

Amirabdollahian ha sottolineato che la «risposta dell'Iran all'attacco israeliano e alla punizione del regime» è certa. L'avvertimento del ministro segue notizie non ufficiali secondo cui nel suo messaggio agli Stati Uniti l'Iran aveva affermato che in caso di cessate il fuoco a Gaza, Teheran non avrebbe risposto a Israele.

Gli Usa avevano chiesto poi all'Iran di usare la propria influenza per spingere Hamas a porre fine alla guerra. Assad da parte sua ha dichiarato che «gli attacchi israeliani alla Siria sono un segno di follia e di estremo disordine all'interno del regime. Tali tentativi non aiuteranno Israele a nascondere i suoi fallimenti».

Israele sta acquistando 40mila tende per evacuare Rafah

Israele sta acquistando 40.000 tende per preparare l'evacuazione di centinaia di migliaia di palestinesi dalla città di Rafah, nel sud di Gaza: lo afferma un funzionario israeliano all'Associated Press, ripresa dal Guardian. Ieri il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha annunciato che è stata fissata una data per l'invasione israeliana dell'ultima città di Gaza situata al confine con l'Egitto. Si stima che circa 1,5 milioni di palestinesi si siano rifugiati nella città meridionale dopo essere fuggiti dai bombardamenti israeliani in altre parti del territorio.

L'Iran attaccherà Israele con i miliziani

L'Iran non attaccherà direttamente Israele ma colpirà attraverso forze iraniane nella regione: lo hanno detto alla Cnn due fonti vicine all'intelligence americana sulla questione, che sostengono che Teheran ha esortato molti dei suoi gruppi di miliziani a lanciare simultaneamente un attacco su larga scala contro Israele, usando droni e missili, che potrebbero attaccare già questa settimana. Teheran teme una drammatica escalation dei combattimenti, dicono le fonti, e non vuole dare agli Stati Uniti o ai suoi alleati una scusa per attaccare direttamente l'Iran.

Netanyahu insiste sulla necessità dell'attacco di terra a Rafah: lo richiede la vittoria su Hamas e «accadrà: c'è una data», assicura il premier israeliano. Parole che mettono «in dubbio» i negoziati per una tregua, afferma il movimento islamista palestinese aggiungendo però che sta «studiando» la proposta uscita dal Cairo. Sul tavolo ci sarebbero sei settimane di stop in cambio del rilascio di 40 ostaggi.

Almeno altri 15 morti nella Striscia di Gaza, con raid su Khan Yunis e Maghazi: ucciso anche il sindaco di quest'ultima.

Scontri ieri a Napoli tra polizia e manifestanti anti-Nato/pro-Palestina. Oggi sciopero universitario e presidio alla Farnesina.

Ultimo aggiornamento: 12:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA