LA DIRETTA

Stoltenberg: «L'Ucraina usi le armi occidentali per colpire in Russia». No di Salvini e Conte

Bombe russe su Kharkiv: colpiti un liceo e un condominio

Sabato 25 Maggio 2024

Conte: "Da Stoltenberg segnale di ulteriore escalation militare"

«Obiettivo prioritario sarà portare la pace in Ucraina e nel Medio Oriente. Le parole di oggi del segretario generale della Nato segnalano un'ulteriore escalation militare. Siamo sull'orlo della terza guerra mondiale. Noi diremo 'no'. Basta con questa strategia sulla pelle degli italiani». Lo dichiara il leader del M5s Giuseppe Conte al margine dell'evento «Unite» a Roma.

Salvini: "Togliere divieto armi a Kiev? Non se ne parla nemmeno"

«L'Italia non è in guerra con nessuno e se è stato giusto aiutare militarmente l'Ucraina, allo stesso tempo non se ne parla nemmeno di togliere il divieto» a Kiev «di colpire obiettivi militari in Russia, così come ribadisco che la Lega è contraria a inviare anche un solo soldato a combattere in Ucraina. Noi vogliamo la pace non l'anticamera della terza guerra mondiale». Così il vicepremier e leader della Lega, Matteo Salvini, oggi a Pisa per un'iniziativa elettorale, commentando passaggi di un'intervista del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, all'Economist.

Zelensky: "Nel megastore a Kharkiv almeno 200 persone"

«La Russia ha inferto un altro duro colpo alla nostra Kharkiv - su un ipermercato edile - sabato, proprio a metà giornata. Al momento si sa che nell'ipermercato potrebbero trovarsi più di 200 persone». Lo scrive su Telegram Volodymyr Zelensky in merito all'attacco russo che ha colpito un megastore di Kharkiv.

«Se l'Ucraina avesse abbastanza difesa aerea e moderni aerei da combattimento, tali attacchi russi sarebbero semplicemente impossibili.

Ed è per questo che ci rivolgiamo a tutti i leader, a tutti gli Stati: abbiamo bisogno di un rafforzamento significativo della difesa aerea e di capacità sufficienti per distruggere i russi».

Raid russo su megastore a Kharkiv: almeno 2 morti

Un raid russo ha colpito un ipermercato di prodotti da costruzione a Kharkiv in una zona residenziale. Il sindaco Igor Terekhov ha riferito che al momento ci sono due morti ma ha aggiunto che «molte persone sono scomparse e ci sono molti feriti», perché il locale era affollato.

Le immagini pubblicate sui social network ucraini hanno mostrato l'edificio da cui fuoriusciva un'enorme colonna di fumo nero. Il megastore colpito è situato in un'area di grandi magazzini accanto a un parcheggio.

Mosca: conquistato un altro villaggio nel Donetsk

Le truppe russe «hanno preso il controllo del villaggio di Arkhangelskoye», nel Donetsk. Lo ha dichiarato il ministero della Difesa russo citato da Ria Novosti. «Le unità del gruppo di truppe 'Centro', a seguito di operazioni militari riuscite, hanno liberato l'insediamento di Arkhangelskoye della Repubblica popolare di Donetsk», afferma il ministero. L'insediamento si trova nel distretto di Pokrovsk

Tajani: Stoltenberg? Decisioni devono essere collegiali

 «Noi siamo parte integrante della Nato ma ogni decisione deve essere presa in maniera collegiale». Così il ministro degli Esteri Antonio Tajani sulle dichiarazioni del segretario della Nato, Stoltenberg, rispetto alla possibilità che l'Ucraina possa colpire in Russia con armi dell'Alleanza. «Le scelte di Kiev sono scelte di Kiev. Noi non manderemo un militare italiano in Ucraina e gli strumenti militari mandati dall'Italia vengono usati all'interno dell'Ucraina, lavoriamo per la pace. I messaggi che arrivano dalla Russia provocano anche una guerra ibrida che si combatte, ma dobbiamo sempre lavorare per la pace e abbassare i toni».

 

Romeo: dalla Nato furore bellicista, rischio guerra nucleare

«A Bruxelles parlano di vertice per la pace ma pensano alla guerra. Inebriati come sono dal furore bellicista rinnegano la stessa Costituzione Europea che nei suoi principi fondamentali si prefigge di promuovere la pace di fronte alle controversie internazionali». Così Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato, commenta ad Affaritaliani.it le parole del segretario generale della Nato Stoltenberg. Per l'Ucraina «la priorità è intensificare il lavoro diplomatico per arrivare ad una tregua. Chi non comprende questo ci sta portando verso una guerra nucleare e sempre più vicini al punto di non ritorno», conclude.

Mosca: abbattuti tre droni di Kiev

La Russia afferma di aver abbattuto tre droni nelle regioni di Belgorod e Kursk. Il ministero della Difesa di Mosca accusa Kiev. «Nella notte sono stati fermati tentativi del regime di Kiev di sferrare attacchi terroristici utilizzando droni contro obiettivi nel territorio della Federazione Russa», afferma il ministero in una nota rilanciata dai media russi, aggiungendo che «i sistemi di difesa aerea hanno distrutto due droni ucraini sul territorio della regione di Belgorod» e che un altro è stato «intercettato sul territorio della regione di Kursk».

Stoltenberg: via il divieto a Kiev di usare armi contro obiettivi in Russia

Jens Stoltenberg ha invitato gli alleati della Nato che forniscono armi all'Ucraina a porre fine al divieto di usarle per colpire obiettivi militari in Russia. Lo riporta il settimanale The Economist, che ha intervistato il Segretario generale dell'Alleanza. Il chiaro obiettivo di Stoltenberg, anche se mai nominato, è la politica del presidente statunitense Joe Biden - scrive l'Economist - di controllare ciò che l'Ucraina può e non può attaccare con i sistemi forniti dagli americani.

 

Bombe russe su Kharkiv: colpiti un liceo e un condominio

Un liceo e un condominio di Kharkiv, nell'Ucraina nord-orientale, sono stati colpiti nella notte durante un attacco russo: lo ha reso noto il sindaco della città, Igor Terekhov, come riporta Rbc-Ucraina. Il liceo, nel distretto di Slobid, è stato parzialmente distrutto mentre il condominio è stato danneggiato, ha precisato il sindaco, aggiungendo che diverse auto sono state danneggiate. «Non ci sono ancora informazioni su eventuali feriti o vittime», ha riferito Terekhov. Secondo il portavoce della Procura regionale, Dmytro Chubenko, nell'attacco - avvenuto intorno all'una (mezzanotte in Italia) - le forze russe hanno utilizzato missili balistici e missili a lungo raggio S-300 ed hanno colpito sia Kharkiv sia l'omonimo distretto. Lo riporta Rbc-Ucraina. Nel quartiere Slobid di Kharkiv, nella parte meridionale della città, sono stati presi di mira il liceo, il condominio e una zona industriale. «Non ci sono feriti. Quindici auto e la facciata di un edificio residenziale di 9 piani sono state danneggiate», ha detto Chubenko. Nel distretto di Kharkiv due missili sono caduti in aree aperte senza provocare feriti o vittime. 

Russia, risorse per l'Africa destinate all'Ucraina

La Russia sta intensificando la guerra contro l'Ucraina con risorse precedentemente destinate all'Africa, in particolare con il Corpo Africano del ministero della Difesa, di cui fanno parte anche ex wagneriani: lo scrive il ministero della Difesa britannico nel suo aggiornamento di intelligence. Nell'ultima settimana, si legge nel rapporto pubblicato su X, la Russia ha schierato unità del Corpo Africano insieme alle truppe regolari russe e alle unità Storm-Z durante l'offensiva su Vovchansk, nel nord della regione di Kharkiv, nell'Ucraina nord-orientale. Creato nel dicembre 2023, il Corpo Africano è composto da oltre 2mila soldati e ufficiali delle forze regolari, nonché da mercenari esperti, molti dei quali hanno precedentemente prestato servizio nel gruppo Wagner, spiegano gli esperti britannici, aggiungendo che unità di questo Corpo in passato sono state probabilmente schierate in Siria, Libia, Burkina Faso e Niger. Il ministero della Difesa russo ha quasi certamente schierato le truppe del Corpo Africano al confine ucraino il mese scorso, in preparazione dell'offensiva nella regione di Kharkiv. «È molto probabile che la Russia stia intensificando la guerra contro l'Ucraina con risorse precedentemente destinate all'Africa», conclude il rapporto.

Guerra in Ucraina, la diretta di oggi 25 maggio. 

Putin e il bluff della pace, il vero obiettivo è dividere la Ue: l’apertura è un’occasione per attaccare Kiev

Il presidente russo Vladimir «Putin non solo vuole disturbare il Vertice per la pace e fa ogni sforzo per farlo, ma ha anche paura di ciò che il Vertice può portare.

Il mondo è in grado di costringere la Russia a fare la pace e a seguire le norme di sicurezza internazionali»: lo scrive su X il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. «La Russia non ha contro argomenti da opporre alla maggioranza globale: nonostante tutte le menzogne di Putin, egli si affida all'ambiente circostante nel senso più ampio del termine, che include l'ambiente internazionale - si legge nel messaggio -. Tranne l'aggressore, nessuno al mondo è interessato a questa guerra, e tutti lo capiscono. Il Vertice per la Pace è il formato che non permetterà più a Putin di mentire. E senza bugie non è assolutamente nessuno. Ringrazio tutti coloro che nel mondo ci aiutano a organizzare il Vertice e dimostrano leadership nell'avvicinare la vera pace».

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA