Il Parco Valentino si prepara ad eventi estivi e grandi concerti da 10mila persone: lavori in corso per gli impianti

I lavori sono necessari per installare un impianto elettrico definitivo per grandi eventi. Cantiere fino a luglio

Sabato 25 Maggio 2024 di Loris Del Frate
Il Parco Valentino si prepara ad eventi estivi e grandi concerti da 10mila persone: lavori in corso per gli impianti

PORDENONE - Non è certo passata inosservata la chiusura da lunedì scorso di parte del parco San Valentino. A partire da lunedì, infatti e almeno per un mese l'accesso nord da via Interna e una parte del parco che si trova sempre nella stessa zona, resteranno chiusi al pubblico per la realizzazione di un impianto elettrico a servizio degli eventi organizzati nel parco. Il grande complesso verde, oramai da tempo è diventato un punto di riferimento per la città, sempre più attrattivo e frequentato grazie agli interventi che lo hanno reso "parco inclusivo" e scenario di eventi e concerti di importanza extraregionale. I lavori che sono in corso e che hanno costretto alla chiusura di parte dell'area verde, prevedono la realizzazione di tre nuovi quadri elettrici situati ai margini del prato utilizzato per le manifestazioni, collegati ai tre quadri di fornitura esistenti mediante una linea interrata.


LO SCOPO

L'intervento ha lo scopo di dotare l'area di un'infrastruttura primaria di fornitura elettrica, in modo che i curatori degli eventi si interfaccino con una efficiente e sicura rete di allaccio, non dovendo più ricorrere a generatori di corrente mobili, linee provvisorie o generatori di corrente a gasolio o benzina, inquinanti sia dal punto di vista acustico che atmosferico. Non solo, quindi, ci sarà maggiore sicurezza, ma sarà anche possibile organizzare eventi di maggiore portata e che consentano pure allestimenti scenici capaci di supportare grandi concerti.

Non a caso nelle settimane scorse il Comune ha affidato uno studio a un professionista affinchè faccia le verifiche e trovi le soluzioni per mettere in condizioni il parco di San Valentino di ospitare eventi decisamente importanti da un punto di vista numerico, allargando la presenza sino a 10 mila, obiettivo cercato dall'assessore Alberto Parigi.


GRANDI CONCERTI

L'obiettivo, dunque, è rendere quella zona la più idonea possibile per fare anche i grandi concerti estivi. È già diventata un punto di riferimento per i grandi eventi, perché al parco San Valentino l'amministrazione comunale ha deciso di puntare tutto sulla realizzazione dei concerti all'aperto più importanti. Ora, però, l'obiettivo diventa ancora più importante e strategico. Per poter far arrivare a Pordenone grandi gruppi o singoli cantanti che in questo momento sono in auge, è necessario almeno raddoppiare i posti disponibili nell'area verde cittadina. E proprio questo è il mandato che il sindaco e la sua giunta hanno dato a un professionista esterno. In pratica sarà lo studio dell'architetto Rino De Marco di Palmanova a realizzare lo studio di fattibilità per riuscire a portare al San Valentino il doppio delle attuali persone autorizzate ad entrare in caso di eventi, ossia 10 mila.


LO STUDIO

Non a caso le indicazioni che sono state date al professionista sono abbastanza chiare per capire su quali aspetti sarà necessario indagare. Lo studio dovrà analizzare la fattibilità dell'intervento di adeguamento con una verifica della attuale normativa prendendo in analisi l'attuale configurazione delle vie di esodo, ampliandole e rendendole funzionali al nuovo numero di persone che potranno entrare. Lo studio, inoltre, dovrà analizzare e proporre una soluzione per il solo sistema di vie di esodo lasciando poi all'organizzazione di turno che allestirà l'evento musicale, ottemperare a tutte le esigenze e condizioni necessarie ad ottenere il rilascio delle autorizzazioni. Unico neo la sosta. Se da un lato la possibilità di ampliare la capienza del San Valentino potrebbe portare diversi aspetti positivi per quanto riguarda l'attrattività dell'area, dall'altro, invece, potrebbe crearne non pochi sul fronte della viabilità e dei parcheggi. Già negli anni scorsi, infatti, con 5 mila spettatori, nei momenti in cui ci sono stati concerti di alto livello si sono creati intasamenti e soprattutto grosse difficoltà per trovare un posto dove sostare. Figuriamoci con il doppio delle persone.

Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 08:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci