Accordo per portare organi e farmaci sui cieli del Veneto con i droni

Lunedì 20 Maggio 2024
Accordo per portare organi e farmaci sui cieli del Veneto con i droni

VENEZIA - E' stato il presidente Luca Zaia a tagliare stamane il nastro a Venezia al secondo Space Meetings Veneto, un evento dedicato all'industria spaziale. «Stiamo parlando di 250 aziende - riassume Zaia del settore aerospaziale che espongono qui in Veneto, siamo in crescita, abbiamo oltre 3mila incontri tra addetti ai lavori ma soprattutto più di mille partecipanti e le aziende che espongono rappresentano più di 22 nazioni»: Per Zaia «questo è un settore in assoluta espansione, stiamo parlando di 5mila occupati in Veneto, 2 miliardi di fatturato e 65 imprese».

L'utilizzo dei dati aerospaziali, rileva, «sarà sempre più innovativo e più efficiente anche nelle imprese più convenzionali che magari si sentono ancora distanti da questo mondo». Oggi con Save ed Enac, annuncia, sarà firmato «un accordo innovativo per partire con quello che è il trasporto con droni, che non sarà solo un trasporto di persone, ma si inizierà ovviamente con tutto quello che è un efficiente, che inquinerà di meno, sarà meno impattante sulla rete analogica, quella dell'asfalto per capirci.

E anche moto utile - conclude - si pensi ad esempio al trasporto di farmaci e di organi».

La partnership

«Una partnership strategica, che prepara il campo alle nuove frontiere della mobilita aerea avanzata - commenta il Presidente di Enac -. Grazie al coordinamento sinergico tra Enac, la Regione Veneto e SAVE, l'introduzione di droni per il trasporto di persone e merci e un obiettivo sempre piu vicino. L'avanzamento tecnologico e il know-how raggiunti dal comparto avio stanno favorendo lo sviluppo di un sistema integrato che dal modello Veneto si estendera a livello nazionale. Ringrazio il Presidente del Veneto e il Presidente di Save per l'impegno e la visione, che riaffermano la centralita del settore aereo nell'offrire servizi innovativi, come il trasporto di materiale biomedicale urgente, e nel rispondere a un bisogno crescente di interconnessione e sostenibilita». «L'accordo presentato oggi rientra nella strategia del Gruppo Save per la piena realizzazione del piano di Mobilita aerea avanzata, in collaborazione con le Istituzioni e i principali operatori del comparto avio - ha dichiarato il Presidente del Gruppo Save -. Un obiettivo che, nello sviluppare un sistema intermodale di collegamento tra i nostri aeroporti e i centri urbani, si sposa con le attivita volte al raggiungimento delle zero emissioni. Nel nuovo Masterplan al 2037 dell'aeroporto di Venezia abbiamo previsto la realizzazione di due vertiporti, che prevediamo di realizzare a partire dal 2026. Si tratta di infrastrutture all'avanguardia, che consentiranno di inserire il territorio veneto in un sistema integrato a livello nazionale, permettendo collegamenti sostenibili con le principali aree logistiche e di attrazione turistica del territorio». Al termine della sottoscrizione dell'accordo, Save e H2C, societa attiva nel settore delle infrastrutture energetiche, hanno poi presentato una ripresa video del primo volo mai realizzato in Italia con un drone a idrogeno verde per il trasporto di merci. Il filmato illustra il trasporto di materiale biomedicale consegnato da un'idroambulanza al comandante del drone nella banchina del Venezia Terminal Passeggeri e da li trasferito con il drone ad un'autoambulanza diretta all'Ospedale di Mestre. Si tratta di un primato tutto italiano e veneto, che dimostra come le nuove tecnologie di mobilita avanzata siano gia realta. L'obiettivo e di rendere questo sistema di trasporto innovativo e «green» disponibile sul territorio gia a partire dal 2025, una volta completate le verifiche tecniche amministrative. 

Video

Ultimo aggiornamento: 21 Maggio, 07:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci