Bibione, ballano sul tetto dell'autobus: cinque minorenni fermati

Lunedì 27 Maggio 2024 di Redazione Mestre
Ragazzi salgono in autobus Atvo in una foto d'archivio

BIBIONE - Aprono un bus e poi salgono sul tetto: cinque ragazzini finiscono nei guai.

Una bravata che poteva finire male per i cinque minorenni di San Michele, Portogruaro e Pordenone che ieri notte hanno preso di mira un autobus dell'azienda dei trasporti del Veneto orientale. Il gruppetto poco prima di mezzanotte è arrivato al terminal dei bus Atvo di via Maia a Bibione. Qui sono riusciti ad aprire un bus dopo aver attivato il sistema di sicurezza. Saliti a bordo, i cinque minorenni hanno attivato le luci di emergenza, decidendo poi di salire sul tetto dell'autobus attraverso le botole interne. Sulla sommità del mezzo pubblico, incuranti di ogni norma di sicurezza, si sono messi a ballare. 


LA BRAVATA
Non avevano però fatto i conti la Polizia locale del distretto Veneto est che stava pattugliando il territorio. Gli agenti sono arrivati subito in stazione, riuscendo a bloccare il gruppetto che si trovava ancora sul tetto del bus. Tutti sono stati poi identificati. Si tratta di tre giovani della zona di 14, 15 e 17 anni, un 14enne di Portogruaro e un 16enne dell' hinterland di Pordenone. Agli agenti il gruppo non ha saputo spiegare il motivo della loro bravata, tantomeno se i loro genitori sapessero dove fossero a quell'ora. Secondo una prima verifica pare che non siano stati provocati danni al mezzo pubblico. Ciononostante per i cinque amici potrebbero arrivare seri guai. Per loro infatti potrebbe scattare la denuncia per essere introdotti nel mezzo pubblico, ma anche una pesante sanzione, così come previsto dalla legge regionale che regolamenta il trasporto pubblico. Intanto il gruppetto dovrà spiegare ai propri genitori quanto è accaduto ieri notte nella stazione di Bibione. Da qui si dovranno poi recare al comando della polizia locale di via Maya dove gli agenti informeranno le famiglie sulle conseguenze per i ragazzi e per i loro genitori. 
Nei giorni scorsi un altro giovane della zona era finito nei guai dopo essersi impossessato di un martelletto di sicurezza ed aver infranto un cristallo di un bus. Per lui arriverà il conto da pagare oltre a una sanzione. Con la stagione appena iniziata purtroppo gli interventi delle forze dell'ordine non mancano. Negli ultimi giorni sono stati denunciati dei furti tra le abitazioni di Bibione che non hanno però trovato impreparato i carabinieri. I militari dopo appostamenti sono riusciti a fermare un uomo extracomunitario che è stato arrestato e trasferito nella cella di sicurezza in attesa della convalida del fermo. Nei prossimi giorni arriveranno anche i rinforzi per i carabinieri che con la polizia locale presiederanno la località di mare.

Ultimo aggiornamento: 20:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci