LA GIORNATA

Salva-casa, il decreto approvato in Cdm. Salvini: «È una rivoluzione liberale»

Gli aggiornamenti della giornata politica

Venerdì 24 Maggio 2024

Salvini: «Il salva-casa è una rivoluzione liberale»

«Molto soddisfatto dell'intervento, una volta pubblicato in Gazzetta Ufficiale entrerà nelle case di milioni di italiani in maniera risolutiva. È una rivoluzione liberale, passiamo dal silenzio rigetto al silenzio assenso».

Lo ha detto il vicepremier e ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Matteo Salvini, sul salva-casa dopo il cdm. «È una bellissima giornata non solo per i proprietari ma per tutto il settore edilizio», ha sottolineato il ministro.

Leo relaziona a Cdm su redditometro, ok decreto sanzioni

Il viceministro all'Economia, Maurizio Leo, a quanto si apprende, ha esposto al consiglio dei Ministri la sua relazione sul redditometro. Misura fermata ieri attraverso un atto di indirizzo. Inoltre avrebbe ricevuto il via libera del governo il decreto legislativo che riduce le sanzioni fiscali.

Approvato il decreto salva-casa

Via libera al decreto salva-Casa. Secondo quanto si apprende il provvedimento è stato approvato dal Consiglio dei Ministri.

 

Dopo il Cdm una conferenza stampa a Palazzo Chigi

 Oggi venerdì 24 maggio, a seguire dal Cdm, si terrà a Palazzo Chigi una conferenza stampa presso la Sala stampa di Palazzo Chigi. 

Quali sono le misure in Cdm oltre il redditometro

La riunione del governo è chiamata a esaminare, fra l'altro, il cosiddetto decreto legge salva-casa e un altro in cui confluiscono l'istituzione della Commissione di vigilanza sui conti delle società sportive professionistiche, altre misure urgenti sul sostegno didattico agli alunni con disabilità e per il regolare avvio del prossimo anno scolastico. All'ordine del giorno ci sono anche il disegno di legge di delegazione europea e l'esame definitivo del decreto legislativo per la revisione del sistema sanzionatorio tributario, oltre a un disegno di legge in materia di sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali. È previsto poi l'esame preliminare di un decreto del presidente della Repubblica con modifiche al regolamento per la quota dell'8 per mille dell'Irpef devoluta allo Stato e di un decreto del presidente del Consiglio sull'ordinamento militare, in materia di organizzazione del ministero della Difesa.

Al via il Consiglio dei ministri, in cui è previsto che il viceministro dell'Economia Maurizio Leo, su richiesta della premier Giorgia Meloni, riferisca sulla vicenda del redditometro, introdotto da un suo decreto ministeriale pubblicato lunedì in Gazzetta ufficiale, e seguito ieri sera da un atto di indirizzo firmato dallo stesso Leo per bloccarne l'entrata in vigore. La riunione del governo è chiamata a esaminare, fra l'altro, il cosiddetto decreto legge salva-casa e un altro in cui confluiscono l'istituzione della Commissione di vigilanza sui conti delle società sportive professionistiche, altre misure urgenti sul sostegno didattico agli alunni con disabilità e per il regolare avvio del prossimo anno scolastico. All'ordine del giorno ci sono anche il disegno di legge di delegazione europea e l'esame definitivo del decreto legislativo per la revisione del sistema sanzionatorio tributario, oltre a un disegno di legge in materia di sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali. È previsto poi l'esame preliminare di un decreto del presidente della Repubblica con modifiche al regolamento per la quota dell'8 per mille dell'Irpef devoluta allo Stato e di un decreto del presidente del Consiglio sull'ordinamento militare, in materia di organizzazione del ministero della Difesa.

Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 14:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA