Mobilità docenti, pubblicati trasferimenti e passaggi: dove vedere i bollettini provinciali e come inoltrare i reclami

Venerdì 17 Maggio 2024
Mobilità docenti, pubblicati trasferimenti e passaggi: dove vedere i bollettini provinciali e come inoltrare i reclami

I bollettini degli Uffici scolastici provinciali con gli esiti delle domande di mobilità del personale docente per l’anno scolastico 2024-25 sono in pubblicazione.

L’elenco di coloro che hanno ottenuto il trasferimento o il passaggio è pubblicato sul sito dell’Ufficio territoriale di destinazione, con l’indicazione, a fianco di ogni nominativo, della scuola di destinazione, della tipologia di posto richiesto, del punteggio complessivo, delle eventuali precedenze.

Scuola delle suore a rischio, l'istituto fondato 150 anni fa

La comunicazione

Al personale che ha ottenuto il trasferimento o il passaggio è data comunicazione del provvedimento presso l’Ufficio territoriale cui è stata presentata la domanda e per posta elettronica all’indirizzo inserito nel portale Istanze on line. Contemporaneamente alla pubblicazione degli elenchi e alla comunicazione del provvedimento alle istituzioni scolastiche, gli Uffici territorialmente competenti provvedono a darne comunicazione: a) all’istituzione scolastica di provenienza; b) all’istituzione scolastica di destinazione; c) alla competente ragioneria territoriale dello Stato. Al personale che non ha ottenuto il trasferimento è data comunicazione via e-mail all’indirizzo inserito all’atto della registrazione nel portale Istanze on line e tale personale potrà consultare, attraverso l’apposita funzione resa disponibile su Istanze on line, l’esito della propria domanda.

Le fasi

La prima fase della mobilità docenti è riferita alla mobilità territoriale all’interno dello stesso comune, la seconda fase sarà quella dei trasferimenti tra comuni della stessa provincia, la terza fase si riferisce alla mobilità territoriale interprovinciale e mobilità professionale (passaggi di cattedra e di ruolo). Reclamo avverso gli esiti della mobilità Se nel controllare i bollettini ufficiali della mobilità 2024/2025 si dovessero trovare delle anomalie, come per esempio riscontrare che una scuola da voi espressa è stata assegnata ad un docente con minore punteggio del vostro, allora è importante vederci chiaro e fare immediatamente reclamo motivato e magari anche accesso agli atti. Avverso gli esiti della mobilità è possibile fare ricorso entro i 10 giorni dalla data di pubblicazione, quindi entro e non oltre il 26 maggio 2024.

Il modello di reclamo

È utile sapere che in fase di pubblicazione degli esiti, in caso di rilevazioni di errori, è possibile intervenire con un reclamo ad hoc per ottenere una rettifica sulla disposizione dei bollettini ufficiali di mobilità. Sulle controversie riguardanti le materie della mobilità in relazione agli atti che si ritengono lesivi dei propri diritti, gli interessati possono esperire le procedure previste dagli artt. 135, 136, 137 e 138 del CCNL 29/11/2007, tenuto conto delle modifiche in materia di conciliazione ed arbitrato apportate al Codice di Procedura Civile dall’art. 31 della legge 4 novembre 2010 n. 183. Si applicano, in quanto compatibili, le altre disposizioni dell’art.17. Quindi si può attivare una procedura di conciliazione entro massimo 15 giorni dall’atto pubblicatoo in cui vengono lesi i diritti dell’interessato. La richiesta del tentativo di conciliazione, sottoscritta dalla parte, deve essere depositata presso l’ufficio del contenzioso dell’amministrazione competente e presso l’ufficio territoriale.

Ultimo aggiornamento: 13:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA